Fra picchi e stelle

Siamo stati in vacanza a Pracharbon in Valle d’Aosta dal 7 al 16 agosto.

Il giorno  della partenza eravamo tutti euforici, non vedevamo l’ora di arrivare per goderci le vacanze. Dopo pranzo siamo partiti e abbiamo fatto tappa ad un parco giochi: è stato bello sentire l’aria pura ed ammirare la bellezza delle  montagne.

A Champoluc abbiamo trovato degli stand con i giochi di una volta, abbiamo conosciuto dei ragazzi giocando con loro a pallone, poi improvvisamente è arrivato un temporale e siamo dovuti  rincasare. La casa era grande e c’era un immenso prato, un campo da pallavolo, uno di calcio ed eravamo circondati da un bosco molto bello.

Gli educatori durante il nostro soggiorno hanno organizzato delle escursioni su per i sentieri montani e abbiamo visitato alcuni castelli tra cui quello di Brusson. Con noi sono venuti anche i volontari che cucinavano per noi (cosa molto indispensabile e piacevole) e ci ha raggiunto per la prima volta anche una famiglia di volontari composta dal padre Davide, dalla madre Elena, dai loro figli Libero, Zoy, Samuel e dal loro simpatico cagnolino Airam. Con Davide abbiamo fatto grandi bolle di sapone e tantissimi giochi in stile oratoriano. Alla sera giocavamo a calcetto, lupus in fabula, a carte, una volta ci è stata proposta dagli educatori una bella caccia al tesoro notturna. Le serate erano divertenti, qualcuno era stanco, qualcun’altro ancora pieno di energie, ma era sempre un momento di condivisione di pensieri sulla giornata passata che ci teneva riuniti prima di andare a dormire. Alcune sere gli educatori, sotto il cielo stellato, accompagnavano con la chitarra le nostre riflessioni sulla giornata ormai trascorsa.

La vacanza è stata molto bella, ringraziamo le persone che ci hanno accompagnato in questo pezzo d’estate e speriamo che questa esperienza in futuro si possa ripetere.

Ref. Elisa e Maria

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su email

Altri articoli

Esperienza internazionale

“Rimessa laterale, dai su…” quella di Zerfu spicca fra le voci concitate dei ragazzi checorrono dietro al pallone, sul campo di calcio sintetico dell’Oratorio del

ALL’AVVENTURA IN KAYAK

Nei giorni tra il 30 agosto e il 2 settembre, un gruppo di coraggiosi è partito dalla comunità Harambée alla volta del Veneto, per intraprendere