La panchina: “Fatti amare, non farti temere”

Passeggiando su Viale Bistolfi, dal lato dei giardini, fra ippocastani, tigli e tante altre specie arboree più o meno comuni, può capitare che l’attenzione sia attirata da una panchina arancione decisamente fuori dal comune, che riporta una frase di Don Bosco: “Fatti amare, non farti temere”.

Bisogna insegnare ad amare Dio, piuttosto che temerlo, questo è l’insegnamento di San Francesco di Sales, che Don Bosco ha fatto suo, mettendolo in pratica con i suoi ragazzi ed esortando gli educatori a conquistare la fiducia dei giovani con l’amore e la benevolenza, piuttosto che suscitando il timore per le punizioni. Questa esortazione è attuale più che mai, è alla base della pratica educativa della comunità Harambée ed è caratteristica fondamentale della mission salesiana anche sul territorio casalese.

Harambée ha partecipato alla proposta del Comune di Casale, settore Tutela Ambiente (https://www.comune.casale-monferrato.al.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/12199), che ha messo a disposizione delle panchine dei giardini della stazione da assegnare ad associazioni di volontariato perchè fossero colorate in modo personalizzato, al fine di far conoscere e sensibilizzare la cittadinanza rispetto ai diversi ambiti di interesse e azione delle singole associazioni.

Alcuni ragazzi di Harambée hanno accolto la proposta di partecipare e hanno collaborato alla realizzazione della panchina. Il disegno è opera di Muslum, un ragazzo del GApp; alla realizzazione, oltre a lui, hanno lavorato Lorenzo e Sergej, guidati e coadiuvati da Roberto Paparella. Questo lavoro è parte del laboratorio HARAMBEhEArt, che vede coinvolti ragazze e ragazzi nella realizzazione di lavori in legno e non solo.

La realizzazione della panchina ha richiesto due giorni di lavoro, una certa pratica manuale e tanta creatività, oltre alla voglia di lavorare insieme e lasciare un segno.

L’educatore, responsabile e conduttore del laboratorio, Roberto Paparella, ha saputo motivare e coinvolgere i ragazzi, appassionandoli al lavoro e facendo sì che la realizzazione di un oggetto – o la sua trasformazione – diventi strumento e metafora educativa e relazionale.

Le impronte delle mani di questi ragazzi sono colorate come le loro anime e come vogliamo che siano le loro vite, questa panchina può essere un segno tangibile del loro passaggio, del loro lavoro; può essere una scusa per fermarsi a riposare e a riflettere, un motivo per apprezzare la natura ed il creato ed essere grati di ciò che si ha, ma soprattutto di ciò che si è.

Venite a vederla, sedete e regalatevi un attimo per ascoltare il canto degli uccelli, per parlare con qualcuno, per scoprire Harambée!

Carolina Schiavone

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su email

Altri articoli

Don Bosco e il sogno che continua…

Sabato 27 gennaio, come di consueto negli ultimi anni, all’Oratorio del Valentino abbiamo partecipato “al Don Bosco Pub, eravamo tanti ragazzi e ragazze, c’erano gli

Cesana 2023: “Sii il tuo miracolo”

Anche quest’anno, per quest’ultimo spezzone del 2023 le ragazze e i ragazzi dell’ Oratorio del Valentino, della Comunità Harambèe, (CER, GApp e CEM,) si sono