Natale di gioia e condivisione: gli auguri di Harambée

“Natale è la festa della nascita di Gesù, è festa dei doni, della gioia, della luce, del divertimento, della condivisione”.

“Uno scambio di emozioni da condividere con tutti”

“A Natale nasce Gesù, porta la luce nel mondo”.

Io gli auguri li farei con un semplice Buon Natale che scaldi il cuore in questo mese così freddo”.

Auguri di serenità e di gioia e non sentirsi mai soli”

“Dal Natale mi aspetto tanta gioia, felicità, una marea di regali, una bella gita e tanto senso di famiglia da parte delle persone che vivono con me”.

“Il Natale è un momento per stare in famiglia e per ritrovare la felicità che è mancata tutto l’anno”.

“Bianco come la neve, rosso per le luci, verde degli alberi”

“Vorrei passare il Natale insieme, famiglia e amici, al caldo e trascorrere bei momenti e condividere semplicemente il quotidiano”.

“Questo pensiero lo dedico a te, te che sei lontano da me, ma vicino nei pensieri. So che esisti e vivi in qualche parte del mondo, anche se sei triste e sola, sappi che non esistono solo persone che pensano a sé stesse, ce ne sono anche che pensano agli altri e io sono di quelle; è per questo che mi è venuto in mente, in questo periodo di felicità e di festa, di pensare a te, te che sei triste e sola, ti auguro tutto il bene del mondo. Ricorda che la tua felicità dipende da te e non dagli altri. Buon Natale!”

“Il Natale in cinque parole: famiglia, condivisione, dono, gioia, luce”

“A Natale si sta tutti insieme e si raccontano le storie passate. Che bello!”

Un augurio di Natale per una persona triste e sola: “Conoscere una persona con cui condividere le cose belle, che ti stia accanto e che ti regali il suo tempo e le sue attenzioni per quete feste e ti faccia stare felice!”

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su email

Altri articoli

Finita la scuola, comincia…

Dalle finestre aperte entrano i raggi del sole che hanno appena bucato le spesse nuvole cariche d’acqua, mentre l’allegro vociare dei ragazzi in cortile si